NUOVO CONTRASTO FRA IL SINDACO PROGRESSISTA

E IL CONTADINO ALL’ANTICA

 

                        Sindaco

 Si credeva di farti un gran piacere,

perché tu ce l’ha’ tanto co’ i’ cemento?

Ti s’è spiegato in tutte le maniere,

contadinaccio ‘un tu se’ mai contento;

certe lagne ‘un ce le dai a bere

guadagni mille e ne denunci cento,

noi ti si dà i’ benessere e i’ progresso

ma se ‘un ci vo’ dar retta sei un gran fesso.

                      Contadino

 Vu’ mi dovete chiedere i’ permesso,

ne’ campi ci vo io a lavorare

a certa gente ‘un voglio sia concesso

venire in casa mia a comandare.

Voglio l’arrosto e voi mi date il lesso,

ora basta l’è l’ora di cambiare,

da val di Cornia cari miei signori

gl’è tanto meglio se vu’ state fori.

                   Sindaco

 Dimmi co’ icché tu bagni i pomodori,         

noi ti s’attrezza le coperative,

se ‘un ci si fosse sarebban dolori

tu c’avresti la mosca nell’ulive.

Li dovresti pagar certi favori,

oggi senza la scienza non si vive,

se la ti costa cara l’energia

la corpa l’è la tua e non la mia.

            Contadino

 E ti piglio a legnate se ‘un vai via,

m’è già preso i’ cifotti avetti intorno,

anche se me lo canti in poesia

delle tu’ balle ‘un me ne ‘mporta un corno.

Io sto bene così in casa mia,

e se va via la luce accendo i’ forno,

la legna la ‘un mi manca in queste zone

va’ pure in giunta a fare confusione.

               Sindaco

 Noi si fa progredire la nazione,

s’è digià scelto i siti nucleari,

la Maremma l’è in prima posizione

certi studi gl’è bene tu gl’impari.

Ti s’insegna l’uranio e la fissione,

gl’è così che s’accumula i denari,

i’ trattore gl’andrà senza benzina

se si fa la centrale a Venturina.

         Contadino

 Tu se’ proprio un avanzo di latrina

solamente a pensarli certi piani,

ti se’ levata male stamattina

penso che ‘un tu c’arriverai a domani.

Mettiti in testa che ‘un siamo a Latina,

s’ha tanta voglia di menar le mani,

te mettici alla prova e poi tu vedi

che oltre alle mani si mena anche ‘ piedi.

       Sindaco

 Con la corrente a ufo ti ricredi,

tu mangerai i poponi anche a Natale,

l’ha detto Sirvio,  se tu mi concedi,

oramai s’è firmato la cambiale;

ci vuole i’ nucleare ‘un c’è rimedi,

s’arriverà a i’ giudizio universale;

alla destra di’ padre onnipotente

s’è sempre sistemata tanta gente.

       Contadino

 A me ‘un tu me la dai quella patente

piuttosto vo’ campare a panzanella,

la tiene sano i’ corpo con la mente;

e a te ti lascio i’ bruste e la nutella;

poi voglio consumar meno corrente;

la fo girare a i’ vento la rotella,

con la brezza di mare e tramontana

a Campiglia si vole l’aria sana.

     Sindaco e contadino alternandosi

 Sind.  Tu camperai un’altra settimana

Cont.  Prima però ti levo da i’ mondo

Sind.  Allora sarà ben darsi la mana

Cont.  E tutti insieme fare i’ girotondo

Sind.  Si balla la quadriglia e la frullana

Cont.  Si sta a galla e non si va a fondo

Sind.  Gl’è meglio stare insieme a’ contadini

           che insieme a’ berlusconi e a’ berluschini.